“Preferisco litigare con te che fare l’amore con chiunque altro.”

Qualche tempo fa ho – finalmente! – rivisto mr. Wrong.

Gli ultimi mesi sono trascorsi all’insegna del “faccio un passo indietro e non ti chiederò più nulla”, conditi da varie discussioni telematiche e provocazioni (mie) e ripicche (sue); a quanto pare, le acque si sono finalmente calmate e mi ha proposto di vederci.

Ho accettato l’invito, il fatto che ioloamo!  e sarà così in saecula saeculorum, e anche che lui si pone nei miei confronti esclusivamente come amico, ma al contempo ho scoperto come si sentono gli eroinomani quando, finalmente, riescono a farsi: appena ha varcato la soglia di casa mia e mi ha attratta a sé abbracciandomi,  ho capito cosa vuol dire essere finalmente in pace.

Tutto era dove avrebbe dovuto essere, e mi sono chiesta come possa, anche lui, non sentire la stessa cosa.

Abbiamo parlato, bevuto, discusso, mi ha perfino chiesto chi fosse Diabolik (non poteva non essersene accorto!) e, come ogni volta, è stato magnifico anche litigare, con lui.

Alla fine, quel che vorrei è che lui stesse sempre con me.

Così, come scriveva Salinas, non posso che accettare che “dove sono stata con te, si va solo con te, attraverso te”, ed aspettare che accada o che passi, provando ad impiegare il tempo nel miglior modo possibile.

– e qualche idea parecchio stuzzicante, in ogni caso, l’abbiamo!

11 commenti su ““Preferisco litigare con te che fare l’amore con chiunque altro.”

  1. Non è che io e te siamo sorelle gemelle.
    Tu hai Mr. Wrong e io il dottor Stranumore.
    L’ho riabbracciato ieri – ormai siamo solo amici da molto tempo – e a tutt’ora, nonostante tutto, il mondo ferma il suo battito lì, ed io sono finalmente a casa.

    Bisogna lasciare andare… imporsi di lasciare andare.

    • È quello che sto cercando di fare… Ma mi chiedo: possibile che una sensazione così intensa sia a senso unico?
      Ps: è bello sapere che mi capisci, ma mi dispiace, perché so attraverso cosa sei passata.

      • Beh sai, le situazioni sono diverse da persona a persona. Io ho creduto, e credo ancora, che nel mio caso la sensazione fosse tutt’altro che non corrisposta, magari non ne era corrisposta l’intensità, ma il senso generale si. Ne sono sempre stata convinta (e non sono una che si fa dei film). Semplicemente c’è stata la scelta consapevole di non voler avere una relazione. Sicuramente non con me. E credo neppur con altre/i. Fosse stato diverso da così, da questo “né con te, né senza di te”, probabilmente me ne sarei fatta una ragione prima.

  2. Simpatico ‘sto tipo che passa ogni tanto a rintuzzare le tue emozioni…eh, no, ci son passata anche io (e forse se il contatto fisico è maggiore l’illusione si alimenta ancor più) e ti suggerisco di lasciarti andare ad altri “passatempi”, anche se solo stuzzicanti ma privi di sentimenti…sennò alla lunga l’autostima ne risente e tanto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...